venerdì 18 marzo 2016

La "pizza" di crema e amarene, dolce della tradizione pasquale campana.




Mancando poco alla Santa Pasqua ed essendo la cucina basso-molisana
 grandemente influenzata dalla vicina Campania, 
oggi vi presento un dolce della tradizione pasquale campana, 
forse meno rappresentativo della Pasqua rispetto alla pastiera, ma che
- secondo me - 
non ha proprio nulla da invidiarle.
Anzi.

Si tratta della "pizza di crema e amarene",
ossia di un delizioso ripieno di crema pasticcera e amarene sciroppate
racchiuso in un guscio di friabile frolla allo strutto.

Buona da morire!

Per la ricetta della frolla ho preso spunto da lei
apportando lievi modifiche
mentre per la crema mi sono affidata alla mia ricetta di sempre,
usando il metodo "vulcanico".

Per quanto riguarda la preparazione,
si tratta di una classica preparazione che io definisco "comoda".

La frolla può essere preparata anche uno o due giorni prima
(basta conservarla in frigo avvolta da pellicola trasparente)
e la crema qualche ora prima dell'assemblaggio, 
di modo che abbia tutto il tempo per raffreddarsi.



INGREDIENTI
per uno stampo da 28 cm:

- per la frolla
500 g. farina 00
200 g. zucchero
180 g. di strutto
2 uova
1 tuorlo (conservate l'albume)
6 g. di lievito
un pizzico di sale
mezzo baccello di vaniglia
la buccia di mezzo limone grattugiata

- per la crema pasticcera
150 ml. panna fresca
350 ml. latte fresco intero
5 tuorli*
150 g. zucchero
40 g. amido di mais
mezzo baccello di vaniglia
la buccia di un limone

amarene sciroppate q.b.

- per completare
un albume
un cucchiaio di zucchero


*conservate gli albumi, i modi per utilizzarli sono infiniti.
Qui alcune idee.
Oppure congelateli e attendete qualche settimana...ho una nuova idea per usarli in arrivo!
 

PREPARAZIONE:
 
In una grossa ciotola o sulla spianatoia
unite la farina setacciata con il lievito.
Aggiungete lo zucchero, i semini della mezza bacca di vaniglia, 
la buccia del limone grattugiata e lo strutto.
"Sabbiate" il composto
lavorandolo velocemente con la punta delle dita.

Create la fontana e versatevi le uova ed il tuorlo
sbattendo con la forchetta e poi
facendovi cadere il composto di farina dai lati.

Lavorate fino ad ottenere una pasta liscia,
dategli la forma di una palla e avvolgetela nella pellicola trasparente.

Conservate in frigo.

Preparate la crema lavorando i tuorli con lo zucchero ed i semini di vaniglia.
Aggiungete l'amido setacciato.

In una casseruola scaldate il latte, la panna e la buccia di limone
tagliata a spirale. 

Raggiunto il bollore, versate la montata.

Non toccate nulla fino a quando non si formeranno delle bolle in superficie: sarà questo il momento in cui dovrete mescolare velocemente il tutto con una frusta.

Spegnete il fornello e versate la crema in una pirofila di vetro
coprendola con della pellicola trasparente
direttamente a contatto.

Lasciate raffreddare in frigo o a temperatura ambiente.

Per l'assemblaggio:
dividete la frolla in due parti
- una leggermente più grande dell'altra - 
e stendetela in due dischi.

Nella tortiera 
(io la fodero con carta forno)
ponete il primo disco.
Farcite con la crema e completate con abbondanti amarene
e con parte del loro sughino.

A parte battete l'albume con un cucchiaio di zucchero.

Ultimate la torta con il secondo disco di frolla.
Sigillate i bordi con i rebbi della forchetta,
spennellate con l'albume battuto
e ponete in forno a 180° per mezzora circa
o comunque fino a doratura.

Enjoy it e...buona Pasqua!



Con questa ricetta partecipo all'evento #Ricettepasquali regionali
di L'Italia nel piatto...

 
 
...e al contest Torte di Pasqua di Fratelli ai fornelli


 
Se provi una mia ricetta,
fai una foto e inviala a mielemandorle@gmail.com 
o sulla pagina Facebook di Miel&Mandorle
oppure pubblicala su Instagram con l'hashtag #mielemandorle.


Posta un commento